Non raccontiamoci delle fandonie. Se stai leggendo questo post è perché speri che in quello che scrivo ci sia la risposta alla domanda che Ti poni da tempo: Come faccio più soldi?

Non è un discorso becero o sporco, ma una domanda legittima e che denota una Tua maturità ed apertura mentale.

Una piccola premessa. Le informazioni che Ti passo non sono nulla di nuovo (non sto reinventando la ruota come concetto), ma è d'obbligo ricordartele, in quanto sono le medie di base che spesso Ti dimentichi nei momenti più importanti, cioè quando devi prendere delle decisioni, ragion per cui Ti invito a tornare a rileggere questo post di tanto in tanto.

Pure Io, alla mia veneranda età, devo rileggere per ricordarmi quali sono le statistiche di base e quindi le probabilità medie a mio vantaggio per poter sopravvivere nello scenario nel quale opero: lo faccio perché, per poter rispondere correttamente agli stimoli esterni e interni, bisogna filtrare quello che sembra per avvicinarci a quello che è.

E con quest'ultima frase criptica, vediamo di rivelarne il significato con degli esempi di vita e partiamo sfatando la prima apparenza che, per chi la crede vera, è in realtà un grande errore.

Primo Errore: Servono tanti soldi per fare tanti soldi

Se oggi, tutto ad un tratto Ti trovassi con 1 Milione sul tuo conto bancario, riusciresti a farne altrettanti? Se la tua risposta è Si, o non hai bisogno di proseguire nella lettura, oppure è tempo di contraddirti sfatando questa apparenza; nominiamo degli esempi pratici di persone che si sono ritrovate milionarie in poco tempo e hanno gestito la situazione alla loro maniera:

Quindi abbiamo appurato che avere tanti soldi non è una delle caratteristiche che Ti servono per fare i milioni... è anzi risaputo che i grandi capitali sono stati costruiti da persone che sono partite da zero.

Allora perché non chiedere consiglio a chi ne sà di più e maneggia i soldi tutto il giorno?

Secondo Errore: Ascoltare chi credi che ne sappia di più

Partiamo con una citazione di Warren Buffett

Wall Street è l'unico posto dove la gente arriva in Rolls Royce per chiedere consiglio da chi prende la metro

Non metto in dubbio che a "Wall Street", inteso in senso lato come industria finanziara (banche, fondi, consulenti, assicurazioni, brokers, ecc), vi operino anche persone dotate di un forte senso etico, però la realtà è che quelle persone sono lì principalmente per fare il loro mestiere.

Mi spiego meglio.
Se vai a chiedere consiglio su quale pietanza preparare per pranzo ad un macellaio, è ovvio che Ti consiglierà una bella bistecca fiorentina, magari adducendo alla necessità di assumere una buona dose giornaliera di proteine per sostenere il Tuo fisico.
Eticamente non sta facendo nulla di male, anzi, crede fortemente in ciò che Ti consiglia, tanto che lui vende carni altamente selezionate e allevate biologicamente. Peccato che se continui ad effettuare pasti ad alto contenuto di carni rosse hai una probabilità superiore di sviluppare patologie come gotta e tumori.
Ma attenzione che la stessa cosa Ti capita se chiedi consiglio all'agricoltore a km 0: Ti propone tutti i colori delle vitamine e dei sali minerali necessari al tuo metabolismo, che però soffrirà per la mancanza di proteine.

Questo succede anche a "Wall Street", dove ovviamente il consulente col quale parli Ti consiglia i suoi prodotti, magari non solo perché è così che si porta a casa la pagnotta, ma probabilmente anche perché crede di consigliarti bene.

Presta quindi attenzione alla parzialità (in inglese Bias) dei consigli che ricevi: di sicuro si tratta di veri Affari... ma per la persona che te li offre.

Spesso il consiglio che ricevi è legato al porre soldi in un particolare strumento che batterà il Mercato... o almeno così Ti viene "assicurato".

Terzo Errore: Voler battere il Mercato

Qui facciamo i bravi Survivalist e andiamo a vedere cosa dicono le statistiche di base al riguardo, ovvero che a battere in maniera consistente le performance di Mercato per un periodo continuativo di almeno 5 anni consecutivi, ad un livello di rischio pari o inferiore a quello del mercato stesso, sono all'incirca il 2% di chi opera.
Questa cifra scende a 0,5% se il periodo viene esteso a 10 anni consecutivi.

Appurato che non siamo Jim Simons, che nemmeno ci interessa esserlo e che se qualcuno ci dice che possiamo investire su di lui perché riesce a battere il mercato possiamo consigliargli un TSO... esiste una strategia migliore da perseguire per fare un mucchio di soldi?

La risposta è Si, ma per arrivarci è necessario prima che Tu cambi il tuo atteggiamento nei riguardi dei soldi.

L'Atteggiamento di chi Perde Soldi: il consumatore

Risulta essere il punto di partenza di molte persone (Io e Te compresi).

Se non vado errato, alcuni formatori finanziari indicano che è l'atteggiamento di circa l'80% della popolazione mondiale ed è dovuto al sistema culturale nel quale nasciamo e cresciamo.

Genitori consumatori che Ti crescono all'interno di una famiglia consumatrice, dove ricevi una istruzione di consumo da insegnanti che a loro volta sono consumatori; frequenterai poi amicizie di consumatori e gruppi (di lavoro o ricreativi che siano) che ti accetteranno solo se Ti adegui al loro stile di vita consumista.

Questa non vuole essere una critica alla cultura del consumismo, ma solo una rapida analisi di come questo atteggiamento Ti venga costantemente e forzatamente somministrato.

Quello che farai è quindi guadagnare un po' di soldi e spenderli in quelli che in gergo tecnico vengono chiamati Passività (perché senza sforzo e in modo passivo si pigliano i soldi dal tuo portafogli). Le Griffe, la bella macchina, la bella casa e, perché no, villa al mare e in montagna, barchetta e arredo di lusso.

In sintesi le Passività sono quelle cose che fanno sembrare ricchi, ma che in realtà rendono poveri.

Guarda caso, le persone che perseverano in questo atteggiamento sono anche quelle che considerano l'investimento una Lotteria per fare tanti soldi subito, chiedono consigli di investimento "al cuggino che gli ha detto il direttore della banca che c'ha da metter i soldi nel loro fondo, perché sta spaccando il mercato a metà".

Sembra un destino segnato... conviene affogare i dispiaceri nell'alcool e diventarne dipendenti... o è meglio esserne i proprietari?

L'Atteggiamento di chi Guadagna Soldi: il proprietario

Questo atteggiamento implica un solo passo in più rispetto a quello descritto in precedenza.

Il passo aggiuntivo è quello di essere consapevoli che prodotti e servizi che consumiamo, vengono perlopiù creati da delle aziende!

Sembrerebbe un fatto ovvio, ma questa lente permette a chi la usa di guardare un Iphone e voler comprare dei titoli Apple, vedere un Big Mac e mettere dei titoli Mc Donald in portafoglio, comprarsi delle Tesla dal broker e non una Tesla in concessionario. (Non sono consigli di investimento, ma solo esempi sul cambio di prospettiva e atteggiamento)

Ti trasforma da consumatore a proprietario, in quanto ogni titolo azionario ti fornisce il diritto di proprietà sull'azienda (in proporzione alla quantità di titoli).

E cosa succede ogni volta che un consumatore qualsiasi compra una Tesla per mostrare la sua ficaggine, si prende un Iphone per pompare il suo stile e infine si mangia un Big Mac perché ha finito i soldi per poter andare al ristorante? Queste aziende guadagnano e questi guadagni il Proprietario li vede sotto due forme:

  • Apprezzamento del Titolo, quando ad esempio compriamo Apple a 180$ e nell'arco dell'anno sale a 250$

  • Dividendi, quando ad esempio per ogni titolo MC Donald posseduto ci vengono corrisposti 5$ durante l'anno

Il Proprietario, come persona, sà che per raggiungere risultati soddisfacenti dovrà perseverare nel tempo; investire non è una Lotteria e nemmeno uno Sprint, ma più una maratona, dove chi mantiene una costanza delle performance taglia il traguardo, senza necessità di arrivare primi per forza.

Per questo il Proprietario può costruire un capitale partendo da zero, chiede consiglio a chi non ha interessi di parte se non la sua (i fiduciari) e sfrutta la performance media del mercato. Non fa altro che accumulare quelli che in gergo vengono chiamati Attivi.

Gli Attivi sono quelle cose che ti fanno sembrare povero mentre li accumuli e che ti rendono ricco se li lasci lavorare.

Adesso che hai visto le due alternative a tua disposizione, Ti interessa diventare proprietario? Se la risposta è affermativa, vediamo finalmente quali sono queste 3 cose che Ti servono per fare i milioni.

Le 3 cose che ti servono: Salute, Gioventù e un Buon Mercato

Mens sana in Corpore sano, recitavano i latini.

Se non hai particolari patologie che assorbono gran parte dei tuoi guadagni sotto forma di costi sanitari e, se impari a ragionare (da proprietario) evitando scelte troppo stupide, sei già a buon punto per costruirti un buon capitale. Se hai particolari patologie fisiche puoi comunque farcela... ma se non ragioni da Proprietario è discutibile che Tu ce la faccia...

Io ad esempio ho una seria situazione di malattia autoimmune, ma questo non mi impedisce di fermarmi e pensare prima di agire.

Per Gioventù intendo gran parte della propria vita economica di fronte.

Quel che serve per far crescere una pianta, perché dia frutti, è costanza e tempo, perciò se il tempo è la risorsa che hai maggiormente a disposizione, sfruttala nella maniera corretta iniziando ad investire (intendo di ragionare da proprietario) da subito.

Se sei 18 enne e hai magari appena iniziato nel mondo del lavoro, hai più probabilità di accrescere il tuo capitale fino (e volendo oltre) al Milione.

Se sei 40 enne le probabilità diminuiscono, ma non si azzerano. Anche Tu inizia subito!

Se sei ultra65enne sei fortunato se hai la pensione...

L'ultimo elemento che serve è un Buon Mercato. Per Buono intendo con delle buone prospettive future, misurate come media di crescita in base al suo storico.

Tra i vari mercati tra i quali scegliere ci sono quello Azionario, quello Obbligazionario, quello dei Derivati, sia a livello mondiale che suddivisi per Paese o Area di appartenenza.

Se ad esempio valutiamo gli ultimi cento anni del Mercato Azionario USA, abbiamo che questo è cresciuto ad un tasso medio del 7% l'anno (10% se non consideriamo l'inflazione).

Come fai a sfruttare questa crescita media per costruire il Tuo primo Milione?

L'arma Definitiva di chi ha queste 3 cose: Interesse Composto

L'interesse composto è la più grande scoperta matematica di tutti i tempi

Questo è quello che diceva Albert Einstein al riguardo ed è quello che puoi sfruttare come persona media.

Vedi l'interesse composto come se fosse l'effetto che subisce una piccola pallina di neve che man mano scende rotolando lungo un crinale innevato: si ingrandisce prima poco alla volta, finché non raggiunge una massa tale da provocare una valanga.

Tanto per renderti l'idea con i numeri, se tu 50 anni fa avessi investito sul Mercato (solitamente intendo S&P500) una cifra come 5.000$ e non l'avessi più toccata, oggi ti ritroveresti con:

5.000$ x (1+7%)^50 = 147.285$

Questo è il potere dell'Interesse Composto accoppiato alla Media di Mercato (La spada e lo scudo dell'Average Survivalist).

Facciamo attenzione che, come tutte le armi, anche l'Interesse Composto se impropriamente usato crea danni invece che benefici.

Se ad esempio ci assumiamo più rischi di quanto possiamo permetterci, l'effetto valanga potremmo averlo sulle perdite invece che sui guadagni e come disse Warren Buffett

La prima regola è non perdere denaro; la seconda regola è non scordarsi la prima

Provo ora a mostrarti qualche esempio pratico utilizzando uno Strumento di SImulazione che puoi trovare qui. Gli input da inserire sono semplici ed intuitivi e, una volta letti gli esempi che Ti mostro, potrai simulare anche la Tua situazione e prendere decisioni al riguardo.

18 anni

18 Anni, ha appena iniziato il suo lavoro al minimo salariale e aveva 5000€ da parte ottenuti con i lavoretti giovanili. Decide di vivere in un bilocale, di vivere tranquillamente togliendosi uno sfizio ogni tanto e di reinvestire i suoi risparmi nell'indice di mercato azionario S&P500 finchè non va in pensione. Il suo Sogno di una vita più stilosa rimane vivo.

A 64 anni si ritroverà un capitale investito di 1 Milione, ma volendo già a 56 anni potrebbe dimettersi per andare "in pensione" e vivere di rendita

Cosa succede se la stessa persona decide di vivere una vita più triviale rimanendo nella casa di famiglia?

Anticipa l'obiettivo di capitale ai 47 anni, anche se con delle spese di vitto da mantenere molto basse, potrebbe dimettersi anche molto prima e dedicarsi eventualmente alle sue passioni (anche le passioni possono creare entrate) mentre cura la crescita dei suoi investimenti.

Se invece che rinunciare alla sua vita privata decidesse di diventare leggermente più "aggressivo" negli investimenti, perché sa che ha tempo davanti a se per assorbire i rovesci di un indice di mercato più ampio e leggermente più rischioso, come può esserne uno che comprende anche aziende di capitale medio/piccolo (le Small Cap)?

Anticipa a 54 anni non solo l'obiettivo di Capitale, ma anche la possibilità di pagarsi una vita stilosa grazie ai suoi investimenti

Hai visto che abbiamo avuto la conferma numerica delle tre caratteristiche (Salute, Gioventù, Buon mercato) che Ti sembravano all'inizio solo fantasie?

Queste simulazioni non sono la realtà, ovvero non avremo un mercato sempre in crescita. Si presenteranno degli anni dove il capitale scenderà invece che salire.

Però sappi che mantenendo la calma e ricordandoti che hai ancora molti anni davanti, potrebbe accadere qualcosa di magico nei momenti di "crisi": avrai la possibilità di acquistare più titoli!

Questo è un concetto altamente controintuitivo, ma per renderlo più digeribile prova a pensare a quando fai la spesa: preferisci fare acquisti in periodi di saldo o quando ci sono i prezzi pieni? Quindi perchè dovrebbe essere diverso per gli investimenti?

Passiamo ad un'altra fascia d'età critica.

30 Anni, non è troppo tardi

30 Anni, nel bel mezzo di una carriera in crescita e con una famiglia appena formata. Si accorge solo ora che potrebbe smettere di fare spese folli e investire quello che risparmia con rischio limitato. E' troppo tardi per raggiungere il Milione?

Salute permettendo, a 67 anni si raggiunge l'obiettivo e in età pensionabile avrà una forte integrazione alla pensione, così da poter vivere in serenità il futuro. Inoltre potrà lasciare ai posteri una buona eredità, che permetterà a figli e nipoti di avere una vita più serena: è un vantaggio da non sottovalutare.

Quindi anche se si parte con una dozzina di anni di ritardo, il traguardo del Milione è un obiettivo raggiungibile. Magari non Ti godrai appieno il gruzzolo che hai messo da parte, ma di sicuro avrai una vecchiaia più serena e dei nipoti più contenti nel venire a farti visita.

40 e + anni...

40 Anni, stessa situazione famigliare, ma l'illuminazione dell'investimento arriva con 10 anni di ritardo e decide di rimanere su investimenti a basso profilo di rischio. SI riesce ad arrivare al Milione?

Purtroppo in questo caso No, anche se in età pensionabile si raggiunge un ottimo capitale che di sicuro sarà di largo aiuto nell'aiutare il periodo fragile dell'anzianità. Ma non perdiamo la speranza...

40 Anni, comprende che l'obiettivo non è raggiungibile in maniera classica. Decide quindi di formarsi in ambito finanziario e sfruttare situazioni di leva finanziaria per aumentare le performance. Questo, però, lo si ottiene assumendosi dei Rischi maggiori, anche se le performance sono su livelli che si possono realmente ottenere con non troppo "sforzo".

Lo studio porta i suoi frutti e alla veneranda erà di 65 anni, alle soglie del pensionamento, si raggiunge il tanto agognato obiettivo! Inoltre si potrebbe pensare ad un bel prepensionamento dato che si è studiato tanto e dai 62 anni in poi ci si potrebbe dedicare agli investimenti al 100% (è una attività non logorante che si può fare a qualsiasi età).

Approfondendo gli studi, potresti davvero raggiungere delle performance elevate. Giusto come esempio ti mostro le mie performance dell'anno passato (2020, esplosione del Covid), proprio per confermare che da bravo uomo coerente "il mio portafoglio segue la mia bocca".

Questo è però coscientemente una performance che difficilmente si riesce a mantenere dato l'elevato fattore di rischio.

Si tratta di strumenti derivati che seguono l'andamento dell'indice di mercato (quindi non cerco di battere il mercato, ma mi metto nella media da bravo Average Survivalist e cerco di estrarre qualche dollaro in più con la leva).

In Conclusione il Milione... Ma non solo

Il Milione, come obiettivo, diventa raggiungibile se tieni bene a mente che la variabile principale che devi tenere sotto controllo è il Rischio, sia che Tu parta nella freschezza dei 18 anni, sia che Tu sia una persona tardiva come me.

Poi non è detto che a Te interessi raggiungere capitali Milionari. Come Obiettivo potresti avere:

  • Raggiungere l'Indipendenza Finanziaria (Vivere gestendo i tuoi investimenti)

  • Raggiungere la libertà Finanziaria (Vivere di Dividendi passivi dai tuoi investimenti)

  • Integrare la tua futura pensione (obiettivo valido soprattutto per le donne, che hanno in media una prospettiva di vita superiore agli uomini e quindi potrebbero rimanere da sole in anzianità)

  • Raggiungere uno stile di vita ben determinato (per stile di vita si intende quanti soldi vorremmo spendere annualmente)

  • Avere una copertura per i tempi grigi

  • Aumentare la sicurezza delle tue entrate per poter effettuare un cambio di professione o chiedere al tuo capo degli aumenti con più disinvoltura.

Come puoi vedere, l'Obiettivo non è MAI la performance, perché da bravi Average Survivalist sappiamo che questa è una variabile non predicibile!

Ma la parte più interessante di questo tipo di simulazioni, è che l'obiettivo che vuoi raggiungere in realtà può essere vario e, nonostante questa varietà, il metodo per raggiungerlo si basa sempre e comunque sull'utilizzo dell'Interesse Composto e della media di mercato!

Gli esempi che hai visto qui puoi anche modificarli e simularli come preferisci: lo Strumento di Simulazione l'ho messo a disposizione della community degli Average Survivalist.

Adesso però mi piacerebbe sentire da Te (scrivi qui nei commenti) quali sono i tuoi Obiettivi e come hai pianificato la strada per raggiungerli.